FONDO PRESTIPINO

print this page

Acquisizione. Il fondo è stato acquisito dal CRICD nel 2002.

Storia. Il fondo fa parte della raccolta privata del collezionista palermitano Fausto Prestipino.

Struttura del fondo. E' costituito da 1033 stampe d’interesse storico e documentario, realizzate tra il 1880 e il 1930 circa. I fototipi in formato mezzana sono stampe all’albumina, alla gelatina bromuro d'argento e al platino-palladio.

Fotografi e soggetti. Le stampe, a firma dei fotografi quali Giuseppe Incorpora, Giacomo Brogi, Errico Melendez, i fratelli Alinari, Domenico Anderson e Giorgio Sommer, raffigurano soggetti siciliani di interesse storico–artistico ed archeologico. Tra le vedute e le architetture palermitane: il Molo, la Cala, il Foro Italico, Monte Pellegrino, l'Arenella vista da Villa Belmonte, Villa Tasca, Villa Giulia, Villa d'Orléans, il Parco della Favorita, Villa Hôtel des Palmes, Villa Igiea, il Giardino Inglese, Palazzo Chiaramonte Bordonaro, la Real Casina della Favorita, il Palazzo Reale con le sale e la Cappella Palatina con il suo tesoro, il Castello della Zisa. Tra le chiese ammiriamo San Giovanni degli Eremiti, San Agostino, Casa Professa, la Martorana, San Francesco, Santa Cita, Santa Maria La Catena, San Giorgio dei Genovesi, la Chiesa degli Inglesi e quella dei Vespri; infine, la Cattedrale con le tombe reali. Tra i reperti archeologici del Museo Salinas i fotografi hanno ripreso le Metope di Selinunte, l’Ariete di bronzo di Siracusa, un Sargofago etrusco, i Busti romani e il Busto d'Ignoto scolpito dal Laurana. Del contesto monrealese sono stati fotografati il Duomo con le tombe, il chiostro del Convento dei Benedettini, il Castellaccio, l’Antica Fortezza saracena, la funicolare. Tra le vedute archeologiche, oltre i templi e le rovine di Selinunte, Agrigento, Solunto e Calatafimi, ammiriamo a Siracusa il Castello Eurialo, la Cripta di San Marziano, le Latomie del Paradiso, l’Orecchio di Dioniso, l’Anfiteatro e il Teatro greco, il Tempio di Apollo e la Chiesa di San Giovanni alle Catacombe. È raffigurata anche l’architettura di Siracusa, come il Palazzo Bellomo, il Palazzo municipale, il Palazzo Bosco, la Chiesa di San Martino, la Chiesa di Santa Maria dei Miracoli. Tra le chiese di Messina figurano la Cattedrale, la Chiesa dell'Annunziata dei Catalani, la Chiesa di San Paolo, la Chiesa di San Filippo Neri; mentre del suggestivo territorio messinese ammiriamo la marina vista dal Promontorio di Taormina e il suo Teatro greco, le rovine ed i resti delle antiche mura ciclopiche di Tindari. Tra le architetture a Catania ricordiamo Villa Bellini con vista dell'Etna, la Chiesa del Santo Carcere e la Cattedrale. Al di fuori dei confini insulari compaiono scatti fotografici realizzati a Roma e che raffigurano il Palazzo Madama, il salone decorato di affreschi del Prof. Maccari e la Basilica di San Pietro.

Fonti e bibliografia.

CRICD Fototeca. Documentazione archivistica.