FONDO PANSINI

print this page

Acquisizione. Il fondo è stato acquisito dal CRICD nel 2004.

Storia. Il fondo era di proprietà del collezionista pugliese Giovanni Pansini. Le stampe che lo compongono sono raccolte in un cofanetto dal titolo "Sicily", edito dalla Stereo Travel & Co. nel 1908. Il cofanetto, a forma di doppio libro, è di cartoncino con dorsi rivestiti in pelle del tipo marocchino rosso; i dorsi identici hanno una doppia filettatura dorata che perimetra i riquadri con fregi dorati (corona di alloro), alternati alla titolazione "Sicily" e all’indicazione editoriale.

Struttura del fondo. Si compone di 100 stampe stereoscopiche alla gelatina bromuro d’argento e virate al selenio. Gli stereogrammi sono montati senza interspazio su un supporto di cartoncino color grigio, ai cui bordi estremi presentano il marchio di responsabilità "Stereo-Travel Co/Corona. New York City" applicato con tecnica a timbro d'inchiostro nero. La titolazione è sempre in basso al fotogramma destro.
Il fondo, oltre alle stampe pervenute nel cofanetto originale, comprende anche una macchina per dagherrotipo proveniente dall’Asta Cristies, un megalethoscopio, un pontiscopio e un bracciale con placca dagherrotipia. Quest’ultimo è un raro esempio di gioiello dagherrotipo, montato su castone ovale al centro di una susta in oro basso (12 carati ca.) con piccole anse laterali che supporta un bracciale a forma di treccia in tessuto di seta. Il dagherrotipo ritrae un volto non identificato e il dagherrotipista è ignoto.

Fotografi e soggetti. Il corpus di immagini rappresenta un reportage fotografico sulla Sicilia del primo Novecento; i soggetti ritratti si inseriscono in due macro-categorie: l’archeologia e gli usi e i costumi del popolo siciliano. Nello specifico, le stampe raffigurano templi, vedute, monumenti, Messina prima del terremoto del 1908, mezzi di trasporto (carretti siciliani, carri, bastimenti e vapori), emigranti in cerca dell’ ”America”, scene di vita quotidiana e antichi mestieri (la mungitura per strada, l’acquisto del pane, un venditore ambulante di oggetti che contratta con i clienti, un venditore di fichi d’india, venditori di strada con gerla in spalla o a trascinare un carrettino di fronte la cattedrale, gente che passeggia a Palermo nell’elegante via Maqueda, contadini, donne alla fontana, lavandaie di Siracusa, piegatura del lenzuolo nel teatro di Siracusa, campieri con il fucile, cordai, fabbri ferrai).
I fototipi sono stati realizzati da un fotografo americano di cui non si conosce l’identità ed editi dalla Stereo Travel & Co., che sorge a Corona, un distretto di New York. Affacciatasi sul mercato solo nel 1905, promuoveva le campagne fotografiche di reportage attorno il mondo per ampliare il proprio mercato. Fu tra gli autori e gli editori più rinomati del panorama internazionale, che monopolizzò il mercato editoriale delle stereoscopiche, a temi prevalentemente geografici, naturalistici e antropologi.

Fonti e bibliografia.

Anselmo, Daniele; La Cecla, Franco; Lo Dico, Dario. 2008. Un fotografo americano in Sicilia. Palermo: Kalos.

CRICD Fototeca. Documentazione archivistica.